Le Guarattelle del Vesuvio

Sabato pomeriggio sarà dedicato alla tradizione napoletana. Due spettacoli di Guarattelle del Vesuvio dedicati ai bambini amanti dei burattini.

“L’arte dei burattini napoletani, teatrini di posa con fantocci di cenci e legno, è nata intorno al XVI secolo con il nome di guarattelle, derivato da guarattino, ovvero burattino. 

Pare che il nome di burattino risalga al buratto, una stoffa utilizzata dai mastri fornai per setacciare la farina mista al fogliame, un termine probabilmente usato anche in senso dispregiativo, di un’arte povera che metteva in scena commedie finalizzate alla critica degli usi e costumi dell’epoca.

La particolarità di queste guarattelle è che vengono indossate proprio come un guanto, anche se l’assonanza tra guanto e guarattelle è prettamente casuale, queste sono manovrate con la mano, vengono chiamati infatti burattini da mano

La guest star di fama internazionale che continua a conquistare il pubblico di tutto il mondo è Pulcinella, icona indiscussa di Napoli, chiamata anche “la città di Pulcinella”. Nonostante questa machera sia spesso data in pasto al folklore,  insegna di pizzerie e ristoranti di quartiere, la storia della maschera napoletana di Pulcinella è intrisa di fascino e significati. “

Fonte (https://viaggiart.com/it/tradizioni/le-guarattelle-napoletane-larte-dei-burattini-napoletani_155362.html)

Dalle ore 17.30 alle ore 18.00, dai 3 ai 5 anni. Dalle 18.30 alle 19.00 dai 6 anni in su.

Con Roberta Sartacarta e Antonio Aiese.

Prenotazione obbligatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *